CHIRURGIA MINI-INVASIVA

L’ODONTOIATRIA, come molte altre discipline chirurgiche, ha da alcuni anni attuato una vera e propria rivoluzione nell’approccio verso una vasta quantità di patologie a largo impatto epidemiologico, approccio fondato sull’utilizzo di nuove tecniche che si adeguano alla biologia tissulare.

La mini-invasività è quindi mirata all’utilizzo di un nuovo concetto di chirurgia, definito “biosurgery”, cioè rispetto delle capacità dell’organismo a ritrovare, correttamente indirizzato,spontanee e più efficaci guarigioni.

 

Essa non va pertanto intesa in senso di minore radicalità chirurgica, ma nel senso di ridurre le complicanze legate a vie di accesso o tecniche più traumatiche. Le nuove tecnologie usate oggi sono: Laser, Radiofrequenze, , Fibre ottiche, L, Microscopio chirurgico, Debrider o Shaver.